Mchy I Porosty

Oggi vi segnalo questo gruppo musicale semi sconosciuto che fa musica elettronica dance, trip (si dice così?) ma anche gore (si dice così?). Hanno collaborato a realizzare colonne sonore per giochi. Credo siano polacchi. E almeno uno di loro è un fumettista che infatti in alcune occasioni invita ad abbinare la lettura di un albo con certa musica specifica realizzata da loro.

Sicuramente sono molto interessanti.

Il link indirizza al loro canale su youtube, ai brani da loro stessi caricati. Se lo lasciate andare, li ascolterete tutti.

Fischia il vento

Sono in metropolitana. A un certo punto entra una donna con una fisarmonica a braccio. Avrà circa quarantacinque/cinquanta anni ben portati. Altezza media. Corpo florido con bei fianchi e bel seno. Bel viso sorridente con un irreprensibile rossetto apposto. Carnagione bianca. Capelli corvini. Comincia a cantare accompagnandosi con la fisarmonica…

Canta bene. Il suo canto è gradevole. Riempie il cuore.

Chissà questa donna (sicuramente immigrata) quante deve averne viste in vita sua…

La sua voce scalda il cuore. Il suo sorriso conforta e accoglie. Sa risultare parimenti materna e seducente. Incarna la donna perfetta.

La sua vita non deve essere facile. Sulle vetture tutto il giorno. In piedi a cantare. Coi fasci che la disturbano. A fuggire poliziotti ligi alla demenza. E pensare che questa donna non dà fastidio a nessuno. Anzi, la sua presenza è una benedizione per tutti coloro che la incontrano. Tutti coloro che hanno un cuore nel petto che ancora batte.

Immagino che questa sia una canzone tradizionale del suo paese. Diffusasi durante la Guerra.

Meli e peri erano in fiore,
La nebbia scivolava lungo il fiume;
Sulla sponda camminava Katjuša,
Sull’alta, ripida sponda.

Camminava e cantava una canzone
Di un’aquila grigia della steppa,
Di colui che ella amava,
Di colui le cui lettere con cura conservava.

Oh canzone, canzone di una ragazza,
Vola seguendo il sole luminoso
E al soldato sulla frontiera lontana
Porta i saluti di Katjuša.

Fa’ che si rammenti di una semplice ragazza,
Fa’ che la senta cantare,
Possa egli proteggere la terra natia,
Come Katjuša protegge il loro amore.

Meli e peri erano in fiore,
La nebbia scivolava lungo il fiume;
Sulla sponda camminava Katjuša,
Sull’alta, ripida sponda.

Ebbe così successo che dapprima venne tradotta in italiano nella famosa Fischia il vento.

E poi venne anche rielaborata nel Casatschok cantato da Dori Ghezzi e Dalida.

Fischia il vento è una canzone sempre valida. Perché ci sono sempre ovunque fasci da estirpare. C’è sempre un oppressore che vuole usarci violenza. Dei draghi da abbattere…

«Fischia il vento e infuria la bufera,
scarpe rotte e pur bisogna andar
a conquistare la rossa primavera
dove sorge il sol dell’avvenir.
A conquistare la rossa primavera
dove sorge il sol dell’avvenir.

Ogni contrada è patria del ribelle,
ogni donna a lui dona un sospir,
nella notte lo guidano le stelle,
forte il cuor e il braccio nel colpir.
Nella notte lo guidano le stelle
forte il cuore e il braccio nel colpir.

Se ci coglie la crudele morte,
dura vendetta verrà dal partigian;
ormai sicura è già la dura sorte
del fascista vile e traditor.
Ormai sicura è già la dura sorte
del fascista vile traditor.

Cessa il vento, calma è la bufera,
torna a casa il fiero partigian,
sventolando la rossa sua bandiera;
vittoriosi, al fin liberi siam!
Sventolando la rossa sua bandiera,
vittoriosi al fin liberi siam!»

Baby Driver

Un ragazzino un po’ peculiare ha la grande dote di saper guidare come pochi le automobili. Per questo è finito nelle spire di un tipo che non fa che pianificare rapine…

Un film non male, in parte prevedibile – con Kevin Spacey nel ruolo del cattivo – che mi è piaciuto sopratutto per le varie gamme di personaggi offerte e le interazioni tra loro.

PS: mi fa sempre sbellicare quando nei film americani vedo dei ragazzini guidare (lì la patente si prende prima, anche da minorenni).

PPS: bella colonna sonora.

Stephen King: Pet Sematary

Una famiglia composta da un padre (medico), una madre e due figli piccoli si trasferisce in un nuovo luogo dove vivere. Il posto sembra un piccolo paradiso terrestre ma… lì vicino c’è uno strano cimitero degli animali il quale sembra in primis solo una specie di attrattiva turistica, ma quando morirà il gatto della famiglia un vicino di casa spingerà il capofamiglia a seppellirlo in quel cimitero, col risultato che dopo qualche giorno il gatto tornerà a casa, più rintronato, puzzolente e strano di prima, ma comunque più o meno vivo… In realtà si scoprirà che quel luogo ha qualcosa di diabolico, o forse solo fortemente arcaico, che spinge le persone a compiere delle azioni in maniera che seppelliscano su quel terreno animali. O anche persone…

È la prima volta che leggendo un libro di King trovo che sia stato eccessivamente allungato il brodo. In fondo, su oltre 400 pagine, i momenti di terrore e tensione che uno si aspetterebbe dal maestro del brivido non sono poi molti…

Tra i libri di questo autore che mi sono piaciuti meno e mi hanno pure un po’ annoiato. Ma forse dipende da me e dal momento in cui l’ho letto.

Forse vedrò ora anche i film ispirati da questo libro.

Song to song

No, qui Malick ha toppato. Ed è questo il pericolo in cui può incorrere più facilmente questo regista indiscutibilmente bravo, con il suo ben preciso stile sontuoso, fatto di colori pastello, che si riconosce subito fin dalla prima inquadratura: di dissiparsi nel suo stesso (per quanto squisito) brodo primordiale, perdendo di vista la storia, essendosi concentrato troppo sulla forma…

Così, la vicenda di queste persone che ruotano tutte attorno l’ambito musicale – qualcuno definisce assurdamente questo film un “musical”!, solo perché ci sono diversi brani d’accompagno e compare Patty Smith –, che formano triangoli, che si tradiscono, si lasciano e si rimettono assieme… appare alla fine troppo frammentaria. Il regista avrebbe potuto concentrarsi solo su un triangolo… ma no, a lui non bastava; allora ecco entrare in scena altri tre personaggi, anche loro che sembrano non approdare ad alcunché, nonostante la profusione di ottimi attori e ottime interpretazioni di grande intensità. Alla fine lo spettatore medio confonderà tra loro i personaggi e le loro vicende inficiando del tutto ogni seppur modesta parvenza di senso logico…

Qui recitano: Michael Fassbender, Ryan Gosling, Rooney Mara, Cate Blanchett, Natalie Portman, Val Kilmer. C’era pure Christian Bale ma il suo ruolo è stato tagliato!

PS: noterete che quasi tutti gli attori sono… nani! 😀

https://www.raiplay.it/programmi/songtosong

Vivere storie promiscue serve solo a incasinarsi!

Cartoni irrinunciabili: L’uomo Tigre!

Tra i cartoni animati più violenti e belli che abbia mai visto c’è il mitico Uomo Tigre! È la storia di un orfano che entra a far parte di una spietata organizzazione criminale che forma lottatori di wrestling professionisti che usano ogni mezzo (anche quelli scorretti) per vincere gli incontri. L’organizzazione si chiama Tana delle Tigri e infatti i lottatori più forti che sforna sono tutti ispirati a questo felino.

L’Uomo Tigre è il più brillante tra tutti i lottatori di Tana delle Tigri ma a un certo punto, nauseato dai loro metodi, fugge e si mette in proprio. Da allora Tana delle Tigri gli promette che lo assassinerà, magari proprio sul ring.

L’Uomo Tigre esordisce nel circuito di lotta professionistica all’inizio utilizzando i metodi malvagi di Tana delle Tigri ma in seguito si sforza di seguire le regole e non arrecare danni permanenti ai suoi avversari e non ammazzarli. Da questo momento questo sarà un leitmotiv della serie, che risalterà fuori ogni volta che l’Uomo Tigre si troverà in seria difficoltà sul ring, e magari starà affrontando anche un lottatore scorretto. La sua coscienza sarà tentata di tornare alle vecchie abitudini sentendosi quasi giustificato a farlo. Cederà solo praticamente nello struggente finale, in cui, dopo aver affrontato i lottatori più forti di Tana delle Tigri, Grossa Tigre, Tigre Nera e il Re delle Tigri, proprio con l’ultimo di essi, abbandonandosi alla rabbia e ormai senza maschera, certificherà che non è stato in grado di redimersi nonostante tutti i suoi sforzi.

Questa conclusione si rivelerà particolarmente amara, non solo per lui, ma per tutti i suoi fan che vedevano in lui un campione di rettitudine e forza. I più delusi e scioccati saranno i bambini dell’orfanotrofio da cui lui proveniva al quale lui continuava a tornare fornendo aiuto e mezzi economici.

A questa serie ne seguì un’altra in cui l’Uomo Tigre se non erro era incarnato proprio da uno dei ragazzini dell”orfanotrofio di cui sopra ormai cresciuto. Questa seconda serie è di buonissima fattura e molto più fluida e di qualità per quanto riguarda disegni e animazione, tuttavia non riesce a raggiungere il lirismo tragico della prima, che la surclassava anche in violenza.

Ho sentito poi che ci sarebbe una terza serie che si collocherebbe a cavallo tra queste due stagioni ma di essa non ricordo assolutamente nulla.

PS: nel cartone apparirono lottatori reali che all’epoca spopolavano in Giappone, tipo il mitico Antonio Inoki!