NINNINI: Fine dell’amore

Il grande amore di Ninnini per Ninnina durò svariati giorni. Finché un giorno Ninnina non fece qualcosa che gli spezzò il cuore.

Quel giorno la vide tutta intenta a scapricciarsi il naso. Dapprincipio non capiva cosa stesse facendo. Poi comprese che cercava di infilarsi un adorabile ditino in un altrettanto adorabile narice, da cui cercava di cavare qualcosa che le dava evidentemente molto fastidio.

La poverina doveva soffrire molto visto quanto si dava pena. Ninnini pensò che forse le era finita una spina nel naso, per questo era già pronto ad aiutarla, un po’ come nella favola del leone e della spina. Sennonché poi Ninnina riuscì a fare quello che stava cercando di fare ed estirpò dal suo adorabile nasino all’insù una notevole caccoletta piuttosto filante la quale, una volta estratta, esaminò con scrupolo per alcuni secondi, per poi decidere di arrotolarsela sempre più tra le dita, finché, ridotta al puro stato solido e non più semiliquido, poté disfarsene gettandola con uggia sul terreno.

Beh, in realtà non andò proprio così… Vi abbiamo appena narrato una storia edulcorandola… Quella cosa non avrebbe sconvolto Ninnini talmente tanto da spezzargli il cuore, perché tra l’altro anche lui saltuariamente si scavava nel naso alla ricerca di pepite più o meno grosse che gli ottundevano la respirazione. No, se proprio dobbiamo esser sinceri, non andò così il finale di questa storia. Il fatto è che l’abbiamo censurata per non turbare gli animi più sensibili. Volete sapere come andò sul serio? Allora facciamo così, chi se la sente continui pure ad ascoltare o a leggere, mentre chi non se la sente salti al capitolo successivo, oppure si tappi le orecchie, siamo intesi?

Bene. Siete pronti a scoprire l’inimmaginabile turpe tragedia che si consumò in quel parchetto di periferia? Adesso ve la dico nuda e cruda, la verità, ma io vi ho avvertiti! Dunque non voglio grane con denunce, sappiatelo. Ecco, ve lo dico… Ninnina, dopo essersi tolta la caccola dal naso… se la mangiò! Ma neppure questo turbò Ninnini, in verità. Lo turbò piuttosto l’imprecazione che lei si lasciò laidamente scappare, che fu: mmm, che buona! La tal cosa Ninnini non poté proprio lasciarle passare, perché anche lui una volta aveva assaggiato una caccola, ma non l’aveva trovata tutto questo granché, perché Ninnini amava più il dolce del salato. E questa insormontabile differenza sentiva che un giorno avrebbe impedito loro di sposarsi, perché in definitiva erano troppo diversi.

Dunque meglio lasciarsi subito, pensò avvedutamente Ninnini, piuttosto che doverlo fare in seguito con un divorzio, con la divisione dei beni e pure i figli che ci sarebbero andati di mezzo. Senza contare quanto sarebbe stato difficile dividersi i giocattoli e i fumetti una volta messi assieme.

Ah! Come è caduco l’amore!

2 pensieri riguardo “NINNINI: Fine dell’amore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...