Gente che cerca rogne

Mi alzo all’alba. Esco per andare a buttare la mondezza. Ho tre buste in mano. Sono consapevole che se uscissi tra una o due ore avrei meno probabilità di imbattermi in balordi. Tuttavia esco così presto anche perché comunque a quest’ora, in generale, c’è meno gente in giro…

Butto le buste ognuna nel suo corretto contenitore di smaltimento. Faccio per ritornare sul lato della strada che mi appartiene quando un taxi rischia quasi di investirmi. Lo guardo male seguendo il suo percorso. Alle mie spalle sento una voce infantile da uomo grasso che ce l’ha col mondo che fa:

«Evvai!», per poi subito aggiungere, altrimenti il suo commento non si sarebbe capito bene, «…Per il taxi!»

Che tradotto vuol dire: gioisco poiché il taxi ti stava quasi per metter sotto.

A questo punto si profilano due opzioni lungo il mio percorso periglioso: girarmi verso il tipo sardonico che cerca rogne, andare da lui e sfogare su di esso la rabbia che sta montando, mettendogli in conto sia la sua idiozia che la prepotenza del taxi; oppure alzare i tacchi e recarmi placido verso casa, non concedendo all’attaccabrighe neppure un appiglio per confermargli che è vivo e che sussista un qualche oscuro motivo che comprovi la sua esistenza.

Opto per la seconda. Ma mentre volto l’angolo sento che dietro di me il passo di quello si fa incalzante. Dato che non ho raccolto il suo guanto di sfida, adesso vuol venire lui a provocarmi ancor più direttamente?

Sennonché poi ci ripensa. Difatti ho tutto il tempo di aprire il portone di casa indisturbato. E mi accerto che nessuno si infili non invitato dentro lo stabile.

Vedi, amore, come sono maturo? Vedi cosa faccio per te, pur di non arrecarti preoccupazioni? Lascio perfino che della gente sprezzante che meriterebbe una bella lezione la passi liscia…

Psicotico che cerca rogne

9 pensieri riguardo “Gente che cerca rogne

    1. Hai ragione. Purtroppo, ai tempi d’oggi, ci sono in giro un mucchio di psicotici o criminali che la polizia lascia bellamente in libertà che ti ammazzerebbero anche solo perché li hai guardati negli occhi…

      "Mi piace"

  1. L’indifferenza è il peggiore insulto per chi cerca lite. Hai fatto benissimo.
    Solo una decina di anni fa avrei scelto la prima opzione ma ora mi sento abbastanza in pace con me stesso da non cadere in idiote provocazioni.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...