Laura Conti: Una lepre con la faccia di bambina

Il punto di vista di un bambino sul disastro di Seveso e della diossina. Tra adulti che non sanno, governi che ipocritamente negano l’evidenza e la non accettazione della realtà.

Ci sono dei punti in comune con l’incidente di Chernobyl e anche con l’odierna storia della pandemia. A dimostrazione di come certe cose quasi sembra siano scritte e non dovrebbero dunque più riservarci sorprese. La gente si comporta sempre nello stesso. E anche i governanti – che altro non sono che criminali.

Il bambino ha come amica una coetanea un po’ più addestrata alla vita di lui che gli rifila qualche dritta (non sempre esatta) per capire meglio il mondo che lo circonda, il quale solitamente lo spiazza. Verranno sgombrati dalle loro case, ma in maniera sbalestrata e incongruente. La gente farà presto a rimuovere i morti e i malati, preferendo pensare al lavoro e ai fatti propri. Alla fine anche l’amica del bambino protagonista si ammalerà ma un medico mentecatto oserà affermare che non sarà per la diossina ma perché “sta diventando donna”. Nella vicenda si inserisce anche in maniera non secondaria la vicenda della sorella della bambina la quale, rimasta incinta, per paura di possibili deformità nel nascituro, cercherà, tra tremendi dubbi e ripensamenti, di abortire, in un’Italia in cui abortire era ancor più difficile di oggi.

Il libro è scritto con parole molto semplici, proprio come fosse stato vergato da un bambino.

Quasi una favola, ma triste.

2 pensieri riguardo “Laura Conti: Una lepre con la faccia di bambina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...