Charlie says

Ispirato a una storia vera, narra di tre ragazze finite in una setta nella quale viene fatto loro un lavaggio del cervello tale da farle arrivare a compiere perfino degli omicidi gratuiti.

Il Charlie a cui fa riferimento il titolo è il famoso, demoniaco Charles Manson, un carismatico santone autoproclamatosi araldo di Dio sulla terra che avrebbe portato l’Apocalisse, il quale tutto sommato era solo un gran stronzone enormemente egocentrico con il dono di sapersi approfittare della gente che percepiva debole e manipolabile.

Furono questi bastardi che uccisero (e il fatto ebbe enorme risalto in cronaca, all’epoca) la bellissima moglie incinta del regista Roman Polanski, Sharon Tate, che tra l’altro sembra fosse anche una ragazza straordinariamente limpida e anche benevola.

Il film è interessante perché entra nei meccanismi del plagio mentale e del fervente integralismo.

PS: che poi questo Charlie, così come Hitler in realtà non sognava altro che di diventare pittore, voleva a sua volta fare il cantante e la rockstar… Coglione.

https://www.raiplay.it/programmi/charliesays

2 pensieri riguardo “Charlie says

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...