Una vita in sofferenza, storia di un bambino debole #7

. Educazione fisica

In genere l’educazione fisica che si praticava a scuola era talmente blanda e fatta male che anche a uno come me non dava troppi patemi. Però c’erano invece altre volte in cui diventava il mio incubo perché si sarebbe fatta un mucchio di fatica, per cui dovevo essere sempre molto attento a vagliare le attività che avremmo svolto per non trovarmi poi in grossa difficoltà.

Già intorno ai quindici anni faticavo moltissimo quando si doveva giocare a calcetto, in particolare quando le squadre erano composte da pochi elementi (delle volte anche solo due). In quei casi ero obbligato a correre anche io, senza imboscarmi nelle retrovie, da difensore. Così, a scanso di equivoci, quando si giocava a calcio presi l’abitudine di piazzarmi in porta, cioè in un ruolo che avevo sempre schifato.

Ovviamente quando non mi sentivo, o quando sapevo che si sarebbe corso parecchio, saltavo la lezione a piè pari senza star troppo a pensarci.

Il massimo dei problemi li accusavo però quando si giocava a basket, uno sport durissimo, in cui ci si muove perennemente avanti e indietro e non ci si riposa mai. Gli altri ammettevano che a forza di correre gli veniva da vomitare, però alla fine non lo facevano mai e terminavano le partite, stanchi ma soddisfatti.

Una volta eravamo in palestra a far pesi. Credendo di potermelo permettere, perché non serviva fiato per quello, spinsi molto sui manubri. Sennonché presto mi resi conto che mi ero sforzato troppo. Il battito cardiaco era cambiato. Comparve una strana aritmia; accusavo anche una sensazione come di debolezza latente. Mi ci vollero tre giorni senza compiere il minimo sforzo per tornare come prima.

Dunque non era solo una questione di fiato, la mia. Per niente. Era qualcosa di molto più profondo.

storia

3 pensieri riguardo “Una vita in sofferenza, storia di un bambino debole #7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...