Arthur Schnitzler: Gioco all’alba

…Altro che autore minore! In queste poche 130 pagine Schnitzler dà prova di immensa maestria. Si insinua nella psicologia dei suoi personaggi portandocela alla luce manifestamente… Doveva essere solo un libro sul demone del gioco d’azzardo, invece c’è molto di più. Pure i personaggio di contorno sono tratteggiati con immensa finezza.
Con questo romanzo Arthur Schnitzler entra di diritto nella poco nutrita lista degli autori più importanti che ho letto.
Un giovane militare riceve un giorno la visita di un altro ex militare, ormai decaduto e radiato per debiti di gioco, il quale lo implora di prestargli mille fiorini altrimenti sarà perduto. Il giovane non è affatto ricco, anzi, in passato ha avuto anche lui dei piccoli problemini in tal senso. Tuttavia si offre di provare ad aiutarlo. Difatti è in previsione una partita a carte quella sera. Se vincerà mille fiorini, glieli regalerà senza dubbio…
Il testo si presta molto alla trasposizione teatrale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...