Monster (film)

Una prostituta un po’ stagionata, ormai talmente disillusa dalla vita e dagli uomini da decidere di uccidersi, entra in un bar per bersi gli ultimi cinque dollari che possiede; dopo, ha già deciso che la farà finita una volta per tutte. Però non sa che quello è un locale gay. Lì conosce una ragazza più giovane di lei che le mostra dell’interesse. All’inizio la respinge con fermezza. Ma poi, conquistata dalla sua purezza d’animo, le dà spago. Si ubriacano. Passano la notte assieme. Si danno appuntamento per il giorno dopo. La donna si aggrappa a quella giovane lesbica per continuare a vivere.
Torna a battere per lei. Ma una notte un suo cliente quasi l’ammazza. Scampa per miracolo, e lo uccide. Da quel momento prende in considerazione l’idea di uccidere gli uomini stronzi e rubargli i soldi, con i quali immagina di vivere un futuro felice con la sua giovane fiamma.

Rimane uno dei film più intensi che abbia mai visto.
Non si può che tifare per quella povera donna, resa “mostro” dalla società. Che non ha mai davvero potuto scegliere.
Mi sorprende sia ricordato così poco.
Passato sul 55.

monster

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...