Persone rispettabili

Eccolo là. Lo vedi che portamento eretto? La vedi la sua sgambata fiera e virile? Quello sì che è un uomo! Avvolto nel suo prezioso cappotto di cammello, attraversa le vie cittadine elargendo charme e sicurezza a tutta la cittadinanza. Se non ci fosse lui come faremmo tutti quanti noi modesti e insicuri sottoproletari a sentirci orgogliosi di qualcosa? Però nessuno sa che a casa sua, questo uomo così retto, picchia la moglie, la figlia e il cane e fa il bello e il cattivo tempo… È soprannominato dai suoi parenti stretti “Ivan il terribile”.
Eccola là. La vedi? È la top-model del quartiere. Guardala come sfila naturalmente suoi suoi tacchi dodici. Guarda la naturalezza della sua falcata, perfettamente calibrata per non essere né troppo volgare né troppo banale. Osserva le sue morbide natiche ancheggiare. Sembra che parlino, non è vero? Ammira l’eccezionale colorazione dei suoi capelli che ha impiegato anni a trovare. Adora il suo taglio preciso, che sembra sempre della stessa lunghezza. Almeno fino a quando non deciderà di cambiare maschera e volto… È la giovane donna più riverita e ammirata del rione. Sapessi quanti farebbero follie per lei. E lei è tanto buona con noi. Lei si lascia guardare come regalasse magnanimamente un osso a dei cani affamati… Però nessuno vuol vedere quel che quella signorina è sul serio. Cioè un’arrampicatrice sociale, una lestofante, una calunniatrice. Una disposta a tutto pur di avere sempre più, anche a discapito degli altri. Perché per lei il mondo è qualcosa da accaparrarsi prima che lo faccia qualcun altro…
Eccolo là. Lo vedi? Quel bravo anziano col bastone. Lo trovi sempre in piazzetta, con o senza gli amici, a tutte le ore. Sembra quasi che vigili che tutto proceda bene. La vedi la sua aria così placida? Non ti infonde letizia e tranquillità già solo quella? Se ci parli ti accorgerai che ti guarda negli occhi e sembra scrutarti, soppesarti attentamente. Poi ti risponderà con qualcosa di molto accomodante e ammodo. Perché lui è così: l’insegna della cordialità. Però non molti sanno che in realtà, se si trova lì per ore e ore, è perché fa da palo. Sì, proprio da palo. Sta tutto il santo giorno lì con la sua aria neutra camuffandosi col paesaggio e sembra che non faccia un cazzo di niente. Invece scruta con assiduità i paraggi. E se per caso passa un auto della polizia, forse non molti si accorgeranno che con la mano che tiene sempre in tasca premerà un bottoncino sul cellulare. Prende cento euro al giorno, il simpatico vecchietto. È un alleato molto fidato della mafia locale. Li ha salvati un sacco di volte da grossi casini. A lui non interessa niente se magari li aiuta a smerciare droga e magari un giorno sarà uno dei suoi amati nipotini a finire in quel triste traffico come consumatore. A lui interessa solo di quei cento lerci euro che si mette nel portafoglio ogni cazzo di giorno. Che poi che ci farà con tutti quei soldi, quel pezzo di merda rinsecchita? Magari domani gli verrà un infarto, e allora tanti saluti… La gente è matta. E fa schifo…
Ecco, li vedi? Sono quelle in realtà le persone “normali”. Se osservi da abbastanza vicino una persona normale, ti accorgerai, forse stupendotene assai, che la stragrande maggioranza di essi sono persone semplicemente indegne, miserabili, traditori, puttane e puttanieri, manigoldi, stupratori fisici o sentimentali. Seppur ammantati dalla loro patina di “rispettabilità”…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...