Ode to my red pen


Solo per me vali

solo io ti apprezzo

gli altri ti avrebbero gettata via

come un oggetto superfluo

ma io no

io che conosco il significato

del piccolo

del tenue

io ti farò risplendere

io farò in modo che tu mi dia

il meglio di te

io e te assieme

realizzeremo un’opera d’arte

gli altri ti avrebbero gettata via

poiché imperfetta

e quasi consumata

invece io ti tengo con me

giorno dopo giorno

ho fiducia

caverò ogni singola stilla

del tuo sangue rosso cupo

non più tanto brillante

e tu di questo sarai felice

e di più lo sarò io

ti faccio fare volute

ancora una ancora una

so che me ne puoi dare infinite

dentro e fuori di me

sembri esaurita

ma io so che c’è ancora linfa in te

e non mi fermerò finché potrai darmene

ancora una voluta

ancora un giro

ancora una spirale

gusci di lumache

ti inerpico nella depressione delle tue debolezze

dove fa più male

ti annego nelle mie arabesche chiome da drago

dove è disperazione

solo io so che quell’arco è un occhio

e che da quell’occhio tu mi guardi misteriosamente

è il varco dal quale si stabilisce il nostro contatto

ho preso un quaderno nuovo

per tracciare i nostri terribili solchi

i nostri terribili sogni

il rosso sangue corrotto è un colore spettrale

ma molto vero

mi ricorda me

e te giunta alla fine

e quando avremo finito

un po’ di te rimarrà nell’imperituro

così come sulla mia mano destra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...