Abulia

 


Avevo diciassette anni e il mio amico, sollecitato da un tale a esprimere un’opinione su di me, su come mi rapportassi con l’altro sesso, disse una cosa che non mi aspettavo e che mi fece molto riflettere. Che secondo lui io me ne sbattevo di tutto, e pure delle ragazze. E dunque non avrei mai davvero sofferto d’amore, come invece era capitato a lui. E mi invidiava per questo…

Rimasi allibito a scoprire l’immagine che aveva di me. Anche perché in quel periodo avevo il cuore che sanguinava per una. E non riuscivo ad arrestare l’emorragia. Dunque ero così bravo a dissimulare, pur non volendo? Ma io non è che fingessi: mi difendevo solo…

Delle volte sono sembrato e sembro freddo e indolente. O mansueto. Ma non sempre ciò corrisponde a quel che provo nel profondo. Delle volte la tensione mi ha attanagliato impedendomi di uscire allo scoperto. Altre volte è stata la timidezza a bloccarmi.

Spesso i miei atteggiamenti sono stati fraintesi e ho comunicato agli altri esattamente il contrario di quel che provavo. Così, quando sembravo disinteressato, in realtà ero fin troppo interessato, fino alla follia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...