Spaccaminchietta alla sbarra

Sì, è vero l’ ho ammazzato ma non volevo sparargli.

Certo, avevo estratto dalla fondina l’ arma in dotazione ma solo perché volevo dirimere quella rissa.

Certo, tecnicamente la rissa era già terminata, però avrebbe potuto riaccendersi.

Certo, effettivamente non avrei dovuto comunque estrarre la pistola, se ci atteniamo strettamente alla legge, perché la legge non lo prevede. Però noi poliziotti sappiamo che delle volte è meglio prevenire che curare…

Sapesse, signor giudice, con quanta teppaglia ci tocca litigare ogni giorno… il nostro è un lavoro duro, sa… mica siamo come quelle merde degli ultrà che non fanno un cazzo tutto il giorno per poi la domenica andare a far casino e inguaiare noi poveri padri di famiglia…

Certo, io non lo sono, tecnicamente, padre di famiglia, ma lo sarò! Eccome! È solo questione di tempo…

Certo, tecnicamente in questo periodo non ho nemmeno la ragazza perché ci siamo lasciati… sa come sono le ragazze, tutte un po’ puttane…

Sì, torniamo al dunque… Allora, ho sparato in alto.

Per ‘alto’ intendo che non ho sparato a terra.

Più precisamente volevo fare come fa John Waine in quel film (che attore John Waine, eh?).

Beh, sì, giusto per sostenere meglio il braccio con la pistola… mi sono aiutato con l’ altra mano, è un crimine?. Perché con le pistole bisogna stare attenti e io sono una persona molto coscienziosa, signor giudice.

È vero, ho anche piegato le ginocchia ma solo per essere sicuro che il peso dell’ arma non mi sbilanciasse.

E poi è successo l’ impensabile. È partito un colpo! E pensare che neanche ho sfiorato il grilletto. Sono quasi sicuro che l’ arma fosse difettosa. La colpa è del governo precedente che ci fa stare con le pezze al culo obbligandoci ad usare materiale scadente.

Sì, il delinquente era seduto in macchina ma avevo percepito senza ombra di dubbio che da lì a breve avrebbe aperto lo sportello e magari mi avrebbe lanciato contro una bomba carta.

No, non ho preso la mira. In quel momento semplicemente mi è preso un crampo al braccio e poi, come le ho detto, è partito il colpo.

Che poi comunque è stato deviato. Io mica avevo sparato lì!

Deviato da che? Innanzi tutto c’ era una rete di metallo che si interponeva colpevolmente tra me e il teppista. Poi mi rendo conto che sia un po’ improbabile ma non escluderei a priori l’ ipotesi che una macchina volante lanciata a folle velocità lungo quella strada abbia in qualche modo influire sulla traiettoria del colpo (e poi ricordo con sicurezza che c’ era pure molto vento e adesso che ci penso mi era pure entrato qualcosa in entrambi gli occhi).

Non ho finito. Altre cose che avrebbero potuto deviare il colpo sono: il vetro della macchina nella quale stava il giovinastro e il collo stesso del tipo.

Ah, quello non vale? Vabbè, però, signor giudice, le ripeto che io quello là non lo volevo ammazzare! Mi creda! Glie lo giuro sulla giustizia!

2 pensieri riguardo “Spaccaminchietta alla sbarra

  1. beh, ti ringrazio, Lorenzo. e grazie pure a tua madre. nel mio blog troverai molta ironia, indignazione, sentimenti e, spero, un modo alternativo e maturo di vedere le cose.a presto!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...